It is time to find roots, to rediscover the embrace of nature, to listen to the Earth breathing. It is time to go home.

scroll

Questo sito utilizza i cookie. Continuando a navigare il sito acconsenti al loro utilizzo. Leggi le Policy

drag

next project

I materiali della bioedilizia: la lana di roccia

09 Ott 2019

Ottenuto dalla roccia vulcanica basaltica, la lana di roccia si caratterizza per l’ottima capacità isolante e l’eccellente resistenza al fuoco. Grazie alla sua composizione fibrosa non teme l’umidità e una volta asciutta riprende al 100% le proprietà originali. È inoltre un notevole fonoassorbente, grazie alla particolare struttura macroscopica a celle aperte.

 

Non viene attaccata da insetti e muffe, conservando nel tempo le sue caratteristiche.  La lana di roccia è eco-compatibile, perché è riciclabile e prodotta con materiali largamente presenti in natura.

 

Nelle case Beeliving viene utilizzato per realizzare isolamenti a cappotto, intercapedini e la coibentazione di coperture. È considerato l’isolante per eccellenza, anche se la minore capacità termica rispetto alla fibra di legno lo rende meno indicato per proteggere dalle alte temperature estive.

 

 

Caratteristiche:

 

1. Protezione dal fuoco.
La lana di roccia resiste fino a temperature superiori ai 1000°, riducendo il rischio d’incendio e limitando l’emissione di gas tossici.

 

2. Comfort acustico.
La lana di roccia protegge persone e ambienti dallo stress acustico, grazie alla struttura a celle aperte che assorbe le onde sonore.

 

3. Durabilità.
La lana di roccia conserva nel tempo le sue caratteristiche ed è stabile dimensionalmente al variare di temperatura e umidità.